Seleziona una pagina

foto-zeno-bianchini-x-2019MUSICA – Domenica 1 settembre, alle ore 17.30, nella chiesa Parrocchiale di Viguzzolo, il giovane organista veronese Zeno Bianchini terrà, sul pregevole “Serassi” costruito fra il 1817 ed il 1818, il quarto concerto della quarantesima Stagione sugli organi storici della provincia di Alessandria, sostenuta dalla Compagnia di San Paolo e dalle Fondazioni CRT, CRAL, SociAL e Piemonte dal vivo.

Zeno Bianchini è uno di quei giovani che, per poter vivere con il proprio “far musica”, hanno scelto di trasferirsi all’estero. Da tempo risiede stabilmente a Stockach, in Germania, dove lavora come organista, maestro di cappella e ricercatore. In sintonia con il proprio percorso musicale proporrà un repertorio di autori italiani e tedeschi, fra i quali spiccano Haendel, Mozart e Beethoven.

Si esibirà nei brani di Johann Pachelbel, Georg Friederich Händel, Domenico Zipoli, Padre Giovan Battista Martini, Andrea Luchesi, Ludwig van Beethoven e Wolfgang Amadé Mozart.

Zeno Bianchini (1971), organista e cembalista veronese, appassionato interprete di musica antica e in particolare di quella barocca, si dedica alla diffusione di questo repertorio secondo la prassi esecutiva antica. Dopo aver conseguito il diploma di Organo e Composizione organistica al Conservatorio ‘E.F. Dall’Abaco’ della sua città natale, studia Organo barocco all’Accademia di musica antica di Pistoia e Clavicembalo, Strumenti da tasto e Prassi esecutiva antica presso la Musikhochschule di Freiburg (D). Tra i suoi insegnanti figurano Umberto Forni, Luigi Ferdinando Tagliavini, Peter Westerbrink, Wolfgang Zerer, Lorenzo Ghielmi (Organo), Robert Hill e Michael Behringer (Cembalo). Gli studi in materia di Composizione (Verona), Musica sacra (Freiburg, primo italiano ad essere insignito di tale grado accademico), Storia della musica (Università di Padova) e Direzione (Musikhochschule di Trossingen – D) completano la sua formazione musicale. In qualità di Organista, cembalista e continuista è attivo in campo concertistico in vari Paesi europei: suona in importanti rassegne e collabora con Ensemble che si dedicano alla musica antica, eseguita su strumenti originali.